spacer
spacer

Voglia di Cucina
divertiamoci tra i fornelli

spacer
header
Home
Ricette
Suggerimenti
Salute in cucina
A proposito di...
Cerca...
Links
Segnalato da...
Scambio Link
e-shop
Notizie dal web

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza
Creative Commons
Ricette e Cucina dal Mondo

xberebene.it

ricette online

ricette leggere

poemas de puros

Ricette dello Chef

Ricette in cucina

Italians Do Eat Better

Dillo Cucinando

Ricetta biscotti

Ricetta Cioccolato

Creazione siti internet

Blog ricette

Cucina Russa

 
Home arrow Salute in cucina arrow Ragazzi stanchi e svogliati? Forse mangiano poco ferro

Condividi questa pagina con i tuoi amici:

seguici su facebook e twitter

 

Ragazzi stanchi e svogliati? Forse mangiano poco ferro
Valutazione Utente: / 0
PeggioreMigliore 

La carenza del minerale aumenta tra i giovani italiani: senza pesce e verdure aumenta anche l'obesità

MILANO - Spaghetti con le vongole, fagioli e carne alla messicana: magari, con piatti come questi, è più facile aiutare gli adolescenti a introdurre adeguate quantità di ferro. E che sia importante farlo lo conferma uno studio sull’European Journal of Clinical Nutrition, realizzato nell’ambito del progetto HELENA, al quale hanno partecipato anche ricercatori italiani dell’Inran (Istituto nazionale Ricerca Alimenti e Nutrizione). Dallo studio (su 940 ragazzi dai 12 ai 17 anni, di 10 città europee, fra cui Roma) è emerso che nel nostro Paese il 21% delle ragazze e il 17% dei ragazzi ha una riduzione delle riserve di ferro. Tale riduzione rappresenta il primo livello di "allarme" dal quale, se non si pone rimedio, si può passare al secondo ("reale carenza") e poi al terzo: l’anemia. «Sono dati su cui riflettere — commenta Marika Ferrari, ricercatore Inran — perché, anche se in Italia l’anemia vera e propria è stata osservata soltanto nel 2% delle ragazze e in nessun ragazzo, è elevato il numero di adolescenti a rischio di carenza di ferro. Una condizione che può portare stanchezza e spossatezza e influire negativamente su alcune prestazioni, come la capacità di concentrarsi».

Sebbene il rischio di carenza sia maggiore nelle ragazze (per i loro più elevati fabbisogni di ferro, dovuti anche alle perdite mensili, che portano a raccomandare l’assunzione di 18 mg al giorno di ferro, contro i 12 mg dei coetanei maschi), anche i ragazzi devono fare attenzione. Come? Cercando di consumare con una discreta frequenza alimenti con un buon contenuto di ferro (carne, pesce, legumi, frutta secca, verdure a foglia), tenendo anche conto della facilità con cui questo minerale viene assorbito. Che è maggiore per il ferro contenuto nella carne e nel pesce, rispetto a quello dei vegetali, il cui assorbimento può però essere facilitato dalla contemporanea presenza di vitamina C. Può quindi essere utile abbinare, nello stesso pasto, legumi, radicchio verde o spinaci con un’arancia, un kiwi o una coppetta di fragole, tutte buone fonti di vitamina C.

A proposito di carenze di ferro c’è una "novità": in alcuni studi si è visto che sono più frequenti nei giovani obesi rispetto ai normopeso. In passato ciò era stato attribuito alla dieta scorretta, ora si ipotizza che sia una delle conseguenze dell’obesità: l’infiammazione cronica causata dall’obesità aumenterebbe la produzione di "epcidina", un ormone prodotto dal fegato ma anche dal tessuto adiposo, che sembra inibire l’assorbimento intestinale del ferro. «Un’ipotesi interessante — osserva Ferrari — tanto che, nell’ambito del progetto HELENA, stiamo rielaborando i dati per valutare se nei ragazzi europei l’obesità sia uno dei principali fattori associati alla carenza di ferro».

C.F.

[Fonte: CorrieredellaSera.it - Salute/Nutrizione - 31 marzo 2011]





spacer
Ricette in primo piano


© 2005-2018 Voglia di Cucina
VogliaDiCucina.com è parte del network Voglia di Notizie
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
spacer