spacer
spacer

Voglia di Cucina
divertiamoci tra i fornelli

spacer
header
Home
Ricette
Suggerimenti
Salute in cucina
A proposito di...
Cerca...
Links
Segnalato da...
Scambio Link
e-shop
Notizie dal web

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza
Creative Commons
Ricette e Cucina dal Mondo

xberebene.it

ricette online

ricette leggere

poemas de puros

Ricette dello Chef

Ricette in cucina

Italians Do Eat Better

Dillo Cucinando

Ricetta biscotti

Ricetta Cioccolato

Creazione siti internet

Blog ricette

Cucina Russa

 
Home arrow Salute in cucina arrow Processo alle patate: il governo Usa vuole bandirle dalle scuole

Condividi questa pagina con i tuoi amici:

seguici su facebook e twitter

 

Processo alle patate: il governo Usa vuole bandirle dalle scuole
Valutazione Utente: / 0
PeggioreMigliore 

Nutrizionisti divisi: «Inutili, aumentano l'insulina». «Fanno bene ai muscoli e al cuore»

ROMA - Il nemico pubblico numero 1 del girovita medio americano sono loro. Gli «spuds». Ovvero (in slang) le patate. Ne è convinto il governo federale che le ha messe sulla lista nera degli alimenti. E vorrebbe eliminarle dalle mense scolastiche in favore di vegetali più sani. Riporta il Wall Street Journal che il Dipartimento dell'Agricoltura intende bandirle dalla colazione e limitarle a pranzo. Razionando hash browns (frittelle), mashed potatoes (purè al burro) e soprattutto le french fries (patatine fritte). Maine e Idaho, i maggiori produttori, sono in allarme. La senatrice Susan Collins si è presentata in aula con una patata in una mano e un cespo di lattuga nell'altra sostenendo che la prima ha il doppio di vitamina C: «Dunque cos'ha il dipartimento contro questo spud?», ha chiesto ufficialmente. Il processo alle patate è aperto.

I nutrizionisti italiani partecipano al dibattimento. Filippo Ongaro, vicepresidente dell'Associazione italiana medici antiaging (antietà), ex medico degli astronauti, invoca i principi della nutrigenomica, che studia gli effetti dei cibi sui processi cellulari e accusa: «La patata è un alimento inutile. Aveva senso in tempi di povertà, perché sazia e costa poco. Non apporta tante calorie, vero, ma ha un alto indice di glicemia che costringe il pancreas a produrre insulina». Ongaro, autore di «Mangia che ti passa» per Piemme, sostiene che il tubero in questione «è tutto carboidrati, pochissima vitamina C, poche fibre e sali minerali». La colloca al vertice della piramide alimentare. «Non sono necessarie, al massimo vanno consumate una o due volte alla settimana, mai con la pasta e il pane. A parità di calorie, molto meglio le verdure».

Nel collegio dei difensori siede invece il professor Giorgio Calabrese, docente di Nutrizione umana alla Cattolica di Piacenza: «Le patate non sono così colpevoli, contengono una buona dose di potassio, che fa bene ai muscoli e al cuore, e l'amido, zucchero complesso che dà gradevolezza, sazietà ed energia senza appesantire. Il problema degli americani è che le mangiano solo fritte. Mi arrabbio con quelle mamme che le considerano una verdura. Non lo sono. Però al forno, alla griglia, lesse, sono un ottimo alimento per i bambini. Gli mettano accanto carote, pomodori, del lattughino e vedranno come i loro figli impareranno a mangiare sano». E si intenerisce citando «la patata di Ispica, vicino Ragusa. Dura tre mesi. Una bontà». Premette che in campo alimentare è bene non prendere consigli dagli americani «che non ne azzeccano una», Lorenzo Donini, professore di Scienza dell'alimentazione alla Sapienza. «La patata non è un alimento particolarmente ricco di vitamine e aminoacidi nobili, però fa parte della nostra tradizione e non è nemmeno tanto ingrassante: dalle 60 alle 85 calorie per 100 grammi». E qui si consolano i produttori italiani: il raccolto annuale, secondo la Cia (confederazione agricoltori), è di 2 milioni di tonnellate. Il tubero non deve diventare, spiega Donini, «un capro espiatorio di una società obesogena, il cui vero problema è la sedentarietà e la dieta ricca di alimenti di origine animale. Un paio di volte alla settimana si può portare in tavola».

Ricorda il celebre chef Filippo La Mantia che «in Sicilia si dice: chi mangia pane e patate non muore mai. La patata è la principessa della tavola, fa bene, si presta a centinaia di ricette, io la amo». Lui ci fa pure il panino: «Con insalatina, capperetto, acciughina e olio crudo, una delizia. Un mondo senza patate non si può pensare, sarebbe tristissimo».

Giovanna Cavalli

[Fonte: CorrieredellaSera.it - Salute/Nutrizione - 20 maggio 2011]

 





spacer
Ricette in primo piano


© 2005-2019 Voglia di Cucina
VogliaDiCucina.com è parte del network Voglia di Notizie
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
spacer