spacer
spacer

Voglia di Cucina
divertiamoci tra i fornelli

spacer
header
Home
Ricette
Suggerimenti
Salute in cucina
A proposito di...
Cerca...
Links
Segnalato da...
Scambio Link
e-shop
Notizie dal web

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza
Creative Commons
Ricette e Cucina dal Mondo

xberebene.it

ricette online

ricette leggere

poemas de puros

Ricette dello Chef

Ricette in cucina

Italians Do Eat Better

Dillo Cucinando

Ricetta biscotti

Ricetta Cioccolato

Creazione siti internet

Blog ricette

Cucina Russa

 
Home arrow Salute in cucina arrow Tutti i vantaggi per chi preferisce il riso integrale

Condividi questa pagina con i tuoi amici:

seguici su facebook e twitter

 

Tutti i vantaggi per chi preferisce il riso integrale
Valutazione Utente: / 0
PeggioreMigliore 

L'esame delle qualità nutrizionali promuove i chicchi scuri, alleati per tenere sotto controllo la glicemia

MILANO - Anche quando si tratta di riso, integrale è meglio. Una conferma giunge da una revisione di studi appena pubblicata dal British Medical Journal: ricercatori della Harvard School of Public Health di Boston (USA) hanno riesaminato i dati provenienti da quattro ricerche e relativi a più di 350 mila persone abitanti in Cina, Giappone, USA e Australia, che sono state seguite per 4-22 anni. Il consumo di riso bianco è risultato associato con il rischio di diabete di tipo 2 soprattutto fra gli asiatici (i cui consumi sono molto più elevati). In particolare, sul totale della popolazione studiata si è stimato che il rischio aumenta del 10% per ogni porzione in più al giorno di riso bianco.

Le ipotesi dei ricercatori riguardano l'indice glicemico (l’impatto sulla glicemia) che risulta più elevato per il riso bianco rispetto a quello integrale, e il minor contenuto nel riso bianco di alcune sostanze, soprattutto fibra solubile e magnesio, che in alcuni studi sono stati associati con un ridotto rischio di diabete. «Dal punto di vista nutrizionale il riso integrale è preferibile a quello bianco — commenta Mariangela Rondanelli, docente all’Università di Pavia di Scienze e tecniche dietetiche applicate — . Anche il parboiled risulta più vantaggioso, perché il trattamento termico cui viene sottoposto fa migrare all’interno del chicco una parte dei minerali e delle vitamine contenute negli involucri più esterni prima che questi siano rimossi. Non tutti i risi bianchi, però, hanno lo stesso indice glicemico: il Carnaroli o il Vialone nano, che hanno un elevato contenuto di amilosio (una delle due forme in cui è presente l'amido, e che viene digerito più lentamente rispetto all'altra, l'amilopectina), hanno un indice glicemico più basso rispetto a tipi di riso che contengono meno amilosio, come il Roma o l'Arborio. Anche la cottura al dente mantiene più basso l'indice glicemico».

Quindi come regolarsi? «I prodotti integrali, non solo il riso, vanno sempre preferiti — dice Gabriele Riccardi, presidente della Società italiana di diabetologia —. Tuttavia, se il consumo di pane o riso bianco è contenuto, non avrà un impatto rilevante sul rischio di diabete. In ogni caso, è utile ricordare che l'aumento della glicemia indotto dal riso bianco o da altri alimenti ad alto indice glicemico, come patate o pane, viene mitigato se sono consumati insieme a cibi ricchi in fibre, come legumi o verdura. La scelta migliore per ridurre il rischio di diabete: combinare verdura o legumi con alimenti integrali».

Carla Favaro

[Fonte: CorrieredellaSera.it - Salute/Nutrizione - 12 aprile 2012]





spacer
Ricette in primo piano


© 2005-2017 Voglia di Cucina
VogliaDiCucina.com è parte del network Voglia di Notizie
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
spacer