spacer
spacer

Voglia di Cucina
divertiamoci tra i fornelli

spacer
header
Home
Ricette
Suggerimenti
Salute in cucina
A proposito di...
Cerca...
Links
Segnalato da...
Scambio Link
e-shop
Notizie dal web

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza
Creative Commons
Ricette e Cucina dal Mondo

xberebene.it

ricette online

ricette leggere

poemas de puros

Ricette dello Chef

Ricette in cucina

Italians Do Eat Better

Dillo Cucinando

Ricetta biscotti

Ricetta Cioccolato

Creazione siti internet

Blog ricette

Cucina Russa

 
Home arrow A proposito di... arrow Bresaola e cacao amaro nel cesto del cuore

Condividi questa pagina con i tuoi amici:

seguici su facebook e twitter

 

Bresaola e cacao amaro nel cesto del cuore
Valutazione Utente: / 0
PeggioreMigliore 

Un cesto salvacuore? "Dovrebbe contenere tanta frutta, meglio se colorata di rosso e di arancio perché più ricca di vitamine con effetto-antiruggine", dice a Salute24 l`ematologa Lidia Rota, presidente dell`ALT, l`Associazione lotta alla trombosi e alle malattie cardiovascolari. Anche a Natale si può battere sul tempo l`aterosclerosi avendo "a cuore" le nostre arterie e preferendo mele, arance, mandarini, frutta di bosco.

"Le festività non sono certo il periodo ideale per fare delle rinunce, ma un cesto di frutta, oltre ad essere una gioia per gli occhi, rappresenta una miniera di vitamine A, C, E con effetti antiossidanti, anzi direi, davvero `antiruggine` per le pareti delle arterie". Cinque porzioni al giorno le mantengono, infatti, più giovani e "pulite" più a lungo. Acquistata la frutta, non si possono dimenticare gli alimenti tipici. "Anche pandoro e panettone non possono mancare, ma in piccole quantità - precisa Rota - che non vuol dire vietarli del tutto".

"Nel cesto che immagino per la protezione del cuore - continua la specialista - c`è la bresaola, l`unico salume che non contiene sale, perché viene conservato grazie all`affumicazione". Mangiare con meno sale, infatti, "è il primo intervento efficace per ridurre la pressione alta in persone che hanno scoperto da poco di soffrire di ipertensione e che quindi potrebbero aver bisogno di prendere farmaci per tutta la vita", aggiunge Rota. A tavola, quindi, ma anche con l`attività fisica, all`aperto o in casa con la cyclette, si può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. "Sapendo ad esempio - sottolinea l`esperta - che non è vero che il sale accresca il sapore del cibo, per cui anche a Natale potremmo riscoprire la funzione delle nostre papille gustative diminuendolo gradualmente e sostituendolo con erbette fresche e essiccate come timo, salvia o con la buccia di limone".

"Spazio nel cesto anche a parmigiano reggiano e a grana padano che contengono meno grassi in proporzione al peso rispetto ad altri formaggi, ma più calcio indispensabile per la salute delle ossa". Una porzione di 30 grammi al giorno, compreso quello grattugiato, aiuta a prevenire l`osteoporosi, "ma anche buono per i bambini che ne hanno molto bisogno nella fase della crescita". Dal Natale viene anche un`ottima alternativa alle carni rosse: "Cucinare il tacchino al forno, ad esempio, non richiede grassi di cottura ed eliminando la pelle, che è la parte più grassa, si ha una pietanza sana per chi ha avuto problemi vascolari".

Bene anche il salmone, "purché consumato con succo di limone e non su tartine spalmate di burro o altre cremine". Bocciati paté e salsette varie, comprese quelle dolci per farcire i pandoro. "Penserei piuttosto a del buon cioccolato amaro: il cacao amaro, anche se poi viene miscelato con oli e burri vegetali, conserva le sue proprietà di ottimo antidepressivo e ha effetti protettivi sulle coronarie". Passando alle bevande, l`opzione è una sola: "Se vino deve essere che sia rosso - spiega Rota -  ricco di resveratrolo e polifenoli, con una potente attività antiossidante, da bere, un bicchiere, durante i pasti, ma mai a digiuno". Non dimenticare una bottiglia di olio extravergine d`oliva italiano, due cucchiai al giorno, "meglio ancora se consumato a crudo".

Dopo le indicazioni, i divieti. "Eviterei datteri e fichi secchi, che hanno troppi zuccheri e calorie, mentre di mandorle, noci e nocciole ne lascerei un pugno per rispettare la tradizione". Infine un consiglio che non vale solo per le feste: "Poiché abbiamo più tempo per i nostri pranzi e cene in famiglia potremmo sperimentare una buona abitudine: mangiare masticando lentamente, così il cibo arriva già parzialmente digerito allo stomaco che si svuota con più velocità ed è meno gonfio - conclude Lidia Rota - . D`altra parte il sapore si sente in bocca, non certo nello stomaco".

[Fonte: IlSole24ore.com - Salute24 - 19/12/2008]





spacer
Ricette in primo piano


© 2005-2020 Voglia di Cucina
VogliaDiCucina.com è parte del network Voglia di Notizie
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
spacer