spacer
spacer

Voglia di Cucina
divertiamoci tra i fornelli

spacer
header
Home
Ricette
Suggerimenti
Salute in cucina
A proposito di...
Cerca...
Links
Segnalato da...
Scambio Link
e-shop
Notizie dal web

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza
Creative Commons
Ricette e Cucina dal Mondo

xberebene.it

ricette online

ricette leggere

poemas de puros

Ricette dello Chef

Ricette in cucina

Italians Do Eat Better

Dillo Cucinando

Ricetta biscotti

Ricetta Cioccolato

Creazione siti internet

Blog ricette

Cucina Russa

 
Home arrow A proposito di... arrow Rischio cardiovascolare se c'è poca vitamina D

Condividi questa pagina con i tuoi amici:

seguici su facebook e twitter

 

Rischio cardiovascolare se c'è poca vitamina D
Valutazione Utente: / 0
PeggioreMigliore 

Bassi livelli di vitamina D possono aumentare il rischio di malattie cardiache

Nelle persone che non riescono a elaborare adeguatamente il colesterolo a causa di scarse concentrazioni di vitamina D, come avviene ad esempio nei diabetici, vi è il rischio di sviluppare malattie a danno dell'apparato cardiocircolatorio.
Questo accade perché il colesterolo non trattato in maniera corretta, va ad accumularsi nelle arterie compromettendone il buon funzionamento.

Lo hanno scoperto i ricercatori americani della Washington University School of Medicine presso il Barnes-Jewish Hospital di St. Louis coordinati dal dr. Carlos Bernal-Mizrachi, che hanno condotto uno studio per riuscire a comprendere come mai i le persone affette da diabete sviluppassero in misura maggiore disturbi cardiovascolari, così come evidenziato da precedenti studi.
I ricercatori, per lo studio, hanno utilizzato cellule "macrofagi" prelevate da persone sane e persone affette da diabete, sia con normali livelli di vitamina D che con scarsi livelli.
Dai dati acquisiti è emerso che scarsi livelli di vitamina D non permettono alle cellule "macrofagi" di assorbire adeguatamente il colesterolo presente nel sangue, ovvero: i macrofagi fanno, per così dire, indigestione di colesterolo. Dopo un po' queste cellule non riescono più a smaltire il colesterolo assorbito in eccesso e diventano "cellule schiumose": un chiaro sintomo di arteriosclerosi. E più i livelli di vitamina D erano bassi, più i macrofagi diventavano cellule schiumose.

Ancora una volta si evidenzia l'importanza di questa vitamina per la salute e il buon funzionamento dell'organismo. La vitamina D, come risaputo, si sintetizza al meglio esponendosi alla luce solare, tuttavia non tutte le persone hanno la possibilità di farlo. A motivo di ciò i ricercatori auspicano di poter dare avvio a programmi che promuovano l'uso controllato di esposizione alla luce e l'assunzione di supplementi di vitamina per combattere il problema del colesterolo, in particolare nei pazienti diabetici, e prevenire così le malattie cardiocircolatorie.
Lo studio è stato pubblicato sulla rivista "Circulation".

(lm&sdp)

[Fonte: LaStampa.it|Benessere - 24/08/2009]





spacer
Ricette in primo piano


© 2005-2020 Voglia di Cucina
VogliaDiCucina.com è parte del network Voglia di Notizie
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
spacer