spacer
spacer

Voglia di Cucina
divertiamoci tra i fornelli

spacer
header
Home
Ricette
Suggerimenti
Salute in cucina
A proposito di...
Cerca...
Links
Segnalato da...
Scambio Link
e-shop
Notizie dal web

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza
Creative Commons
Ricette e Cucina dal Mondo

xberebene.it

ricette online

ricette leggere

poemas de puros

Ricette dello Chef

Ricette in cucina

Italians Do Eat Better

Dillo Cucinando

Ricetta biscotti

Ricetta Cioccolato

Creazione siti internet

Blog ricette

Cucina Russa

 
Home arrow Salute in cucina arrow Peperoni e carote per il «brain-menu»: parola chiave luteolina

Condividi questa pagina con i tuoi amici:

seguici su facebook e twitter

 

Peperoni e carote per il «brain-menu»: parola chiave luteolina
Valutazione Utente: / 0
PeggioreMigliore 
Meglio un peperone oggi che un’amnesia domani. Parola dei ricercatori dell’Università dell’Illinois: nell’orto c’è la chiave per non far impoverire la materia grigia. Si chiama luteolina e il Journal of Nutrition dà un assaggio di tutte le proprietà buone che la sostanza regala a chi se ne nutre. Ma in quali cibi si trova la luteolina? I ricercatori guidati da Rodney Johnson direttore del Dipartimento di Scienza Nutrizionale, li elencano: carote, sedano, olio d’oliva, menta, rosmarino e camomilla, insieme al peperone. Il nuovo studio ha esaminato gli effetti della luteolina nell’alimentazione dei topi: garantisce una riduzione di citochine, molecole infiammatorie che agiscono sul cervello. Con l’invecchiamento, le cellule della microglia, localizzate nel cervello e nel midollo spinale, “subiscono una deregolamentazione e iniziano a produrre livelli eccessivi di citochine infiammatorie”, spiega Johnson.

I ricercatori hanno dimostrato che le cellule microcigliali quando sono esposte a tossine batteriche producono le molecole infiammatorie, danneggiando i neuroni. Nei topi che hanno ricevuto la luteolina questo processo degenerativo è stato rallentato. Gli effetti cognitivi sono più evidenti nella popolazione adulta. La risposta dei topi ha svelato che l’ippocampo, regione cerebrale deputata alla memorizzazione, funziona meglio, garantendo punteggi più alti nei test d’apprendimento.


Bianco: licina e quercetina aiutano cuore e arterie

Verde: leutina e isoflavoni per fegato e polmoni sani

Blu e viola: resveratrolo e antocianine contro il declino cognitivo

Rosso: licopene e acido ellagico per la salute del Dna


Giallo e arancio: betacarotene per occhi e sistema immunitario

Autore: Cosimo Colasanto

[Fonte: IlSole24ore.com - Salute24 - 20/10/2010]





spacer
Ricette in primo piano


© 2005-2022 Voglia di Cucina
VogliaDiCucina.com è parte del network Voglia di Notizie
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
spacer